È in arrivo una FIAT Panda cinese? È praticamente identico – .

È in arrivo una FIAT Panda cinese? È praticamente identico – .
È in arrivo una FIAT Panda cinese? È praticamente identico – .

FIAT ha nella Panda uno dei suoi modelli di punta e ha recentemente lanciato una nuova versione elettrica davvero conveniente.

Si parla sempre più insistentemente di passaggio definitivo al mondo elettrico per le auto, anche se il 2035 non dovrebbe più essere l’anno X di questo cambio epocale.

Nonostante questo, è normale che le varie aziende stiano cercando di rinnovare sempre di più la propria gamma e fare in modo di dare vita a veicoli di altissimo livello in versione elettrica, con il FIAT che con quello nuovo Panda sembra aver saputo colpire nel segno.

Fiat Panda (Adobe Stock)

Per annunciare un’espansione delle auto elettriche all’interno del Gruppo Stellantis era solo il Amministratore delegato della società, cioè Carlos Tavaresche ha precisato che dovrebbe esserci quasi un raddoppio dei modelli elettrici in produzione.

Sono infatti attualmente 22 le vetture con batteria che vengono immesse sul mercato, ma il numero dovrà salire a 30 nel 2023 e poi a 42 nel 2024 e una di queste novità sembra coinvolgere il Panda.

È un’idea che stuzzica il mondo da diversi anni Gruppo Stellanti, soprattutto perché si tratta di un modello già ampiamente apprezzato in passato nelle sue versioni diesel e benzina, senza dimenticare il 4×4 ormai fuori produzione.

Il problema è che da qualche settimana ne è nato uno nuovo Panda Mini elettrica e che viene messo sul mercato al bassissimo prezzo di soli 5000 euroma c’è un problema: non è a FIAT.

I produttori di questo nuovo modello sono i gestori dell’azienda cinese di Gely, con quest’ultimo che ha deciso di utilizzare questo nome storico dell’industria italiana, anticipando così la concorrenza della stessa Gruppo Stellantis.

Nuova Mini Panda elettrica: perché Geely ha anticipato FIAT

Il motivo per cui il Gruppo Stellantis è costretto a stare a guardare e ad accettare così la nascita di una nuova Mini Panda è legata al fatto che in Cina l’azienda non ha il minimo potere.

La marca “Panda” non è stato registrato nel mercato orientale e quindi nulla ha impedito Geely per dare vita a un modello molto piccolo, ma che si è basato in gran parte sul panda “originali”.. La sua lunghezza è di circa 3 metri, per una larghezza di 1,50 metri e un’altezza che si attesta a 1,60.

Al suo interno ha una batteria che può essere modificata in base alle esigenze dell’acquirente, essendo la versione standard da 9,6 kWh, mentre quello più performante è di 17,3 kWh. Nel primo caso possono quindi essere attraversati 120 km prima del rifornimento, mentre nel secondo caso si può salire a 200 km.

Estremamente tecnologico e sofisticato all’interno, con un display da 9 pollici e un sistema Bluetooth che consente la connessione con i telefoni cellulari. Il prezzo di partenza è quindi davvero ridotto al minimo, con il raggiungimento del massimo 7.400 euroma per una versione base con 5000 euro puoi avere la Panda del futuro non brandizzata FIAT.

Entra nel gruppo WhatsApp e rimani aggiornato sulle novità F1-MotoGP

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

NEXT Pensioni a rischio povertà. Serve un reddito di riserva – .