“È importante tornare a vincere. Ora dobbiamo sistemare il campionato. Alex Sandro è stato fischiato male. Ecco cosa ho detto alla squadra nell’intervallo…”

Massssimiliano Allegri è intervenuto ai microfoni di Mediaset. Il suo discorso:

Come giudica il rigore concesso e poi revocato?
“Sono decisioni dell’arbitro, vanno accettate, il VAR l’ha vista così, ha richiamato l’arbitro, quindi è inutile discutere cosa soffia o non soffia l’arbitro. Per noi stasera era importante fare una partita… soprattutto tornare alla vittoria, perché comunque la Coppa Italia è una competizione diversa dal campionato. I ragazzi sono stati bravi, abbiamo fatto un primo tempo molto equilibrato, nella ripresa abbiamo accelerato, abbiamo avuto diverse occasioni contro un’ottima Lazio. Il discorso finale non è chiuso, ma dobbiamo pensare a sistemare il campionato da domenica prossima”

Può questo secondo tempo restituirti quello scatto che riaccende la tua squadra?
“Ma no, sono momenti, nel calcio ci sono anche questi momenti, i ragazzi sono stati bravi a restare equilibrati e soprattutto ad avere la forza di giocare una partita così. È triste dirlo, i fischi quando è entrato Alex Sandro….un giocatore che ha giocato trecento partite con la Juve, ha vinto 5 scudetti, un ragazzo che è un professionista sotto ogni punto di vista. E quando è entrato ha fatto due interventi importanti, è un ragazzo che si mette sempre a disposizione, penso che fischi così siano sbagliati, ma i tifosi vanno rispettati. Per fortuna Alex Sandro ha le spalle larghe e ha giocato gli ultimi minuti della partita nella maniera giusta”.

Vlahovic le ha fatto i complimenti per come si è preparata per la partita e i tifosi hanno cantato per lei alla fine della partita. Penso che fosse particolarmente contenta.
“Ho grande rispetto per i tifosi, ma credo che i tifosi debbano incoraggiare la squadra perché i ragazzi hanno sempre delle necessità. Si può dire che sbagliamo, che giochiamo male, sicuramente è così, sarà anche così, ma a livello di impegno non siamo mai mancati, i ragazzi non sono mai mancati, ci sono momenti in cosa che sicuramente potevamo fare meglio, dovevamo fare meglio, sotto questo aspetto la responsabilità è stata sicuramente mia. I ragazzi stasera hanno giocato davvero da squadra, hanno giocato con grande umiltà e soprattutto con grande determinazione. E quando giochiamo così emergono anche buoni schemi di gioco, stasera i ragazzi devono godersi questa serata perché se lo sono meritato pienamente”

Cosa hai detto nello spogliatoio tra il primo e il secondo tempo?
“Gli ho detto di correre verso la porta avversaria. È la verità. Quando dico che il calcio è semplice dico solo proviamo a correre verso la porta avversaria e qualche soluzione la troveremo”.

Magari l’ha detto anche altre volte, ma stasera ci sei riuscito in modo convincente.
“Stiamo attraversando un periodo… stasera c’era una partita di Coppa Italia, poi abbiamo il campionato da sistemare, dobbiamo sistemare la cosa un pezzo alla volta e cercare di raggiungere il nostro obiettivo stagionale. Poi sarebbe bello giocare la finale a Roma, ma facciamo un passettino alla volta, perché i ragazzi hanno dei valori morali e questo periodo negativo sicuramente è dipeso da tutti, in primis da me”.

Quali possono essere i margini di miglioramento per Cambiaso? Ha tanta qualità, potrà diventare uno dei pilastri della Juventus?
“Decisamente sì, anche perché Andrea ha margini di miglioramento, a parte l’aspetto tecnico – è un bravissimo giocatore tecnicamente – e che ogni tanto si penalizza a livello mentale e anche l’altro giorno a Roma quando l’ho preso off, che l’ho visto un po’ nervoso, un po’ abbattuto, invece deve continuare a giocare perché ha qualità straordinarie. Infatti ha fatto un secondo tempo importante e bellissimo come tutta la squadra”

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

PREV 3 arresti. I mezzi sono stati poi smontati a Cerignola – .
NEXT altra spesa di 30mila euro per il riempimento – .