Pulizia fiumi, individuati 121 nuovi interventi | Regione Piemonte

Pulizia fiumi, individuati 121 nuovi interventi | Regione Piemonte
Descriptive text here

La giunta regionale, su proposta dell’assessore alla Tutela del suolo Marco Gabusiapprovato il terzo programma di interventi manutentivi E la rimozione del materiale litoide presente nell’alveo.

IL interventi inserito ce ne sono 121così suddivise su base provinciale: 23 Torino, 31 Alessandria, 18 Asti, 7 Biella, 25 Cuneo, 4 Novara, 5 VCO e 8 Vercelli.

La pubblicazione sul sito istituzionale della Regione dei bandi per la manifestazione di interesse apre le porte a tutti i soggetti interessati a contribuire attivamente alla realizzazione di questi cruciali interventi, attuando un importante processo di semplificazione, accelerando notevolmente le procedure ma soprattutto dando maggiore priorità esclusivamente agli interventi realmente necessari per garantire la sicurezza dei cittadini.

La Regione, infatti, è da tempo impegnata a garantire la conservazione e il ripristino della portata dei corsi d’acqua, primariamente attraverso la movimentazione di materiale e, ove necessario, attraverso l’estrazione e la rimozione di materiale litoide con l’obiettivo di garantire una gestione attenta e responsabile delle risorse idriche, in linea con le normative vigenti e nel rispetto dell’ambiente e del paesaggio.

Tutto questo è stato reso possibile grazie ad un’innovazione risoluzione quadro approvato nel 2021 che prende ispirazione dalle buone pratiche di manutenzione dei nostri avi e che ha notevolmente semplificato le pratiche amministrative, consentendo l’individuazione di una serie di interventi e quindi la ricerca di soggetti interessati a realizzarli con un meccanismo virtuoso per il quale il privato asporta il materiale litoide e lo acquista per utilizzarlo nella propria attività edilizia. Questa modalità operativa, grazie ad un’attenta progettazione e alla collaborazione con aziende e privati, rappresenta un passo fondamentale nella tutela dell’incolumità pubblica e nella difesa del territorio dalle minacce idrogeologiche. I risultati sono già chiaramente visibili; infatti io programmi precedenti ci hanno permesso di pianificare la rimozione di circa 2 milioni di metri cubi di materiale con un introito per la Regione di circa 1 milione di euro.

Il presidente Alberto Cirio e l’assessore Gabusi garantiscono che “continueremo a monitorare la tempestiva ed efficace attuazione di questi interventi, assicurando che ogni fase del processo sia condotta con trasparenza, rigore e attenzione al bene comune. Siamo fermamente convinti che solo attraverso un impegno concreto e coordinato possiamo preservare e valorizzare il nostro territorio, garantendogli un futuroro meglio per le generazioni a venire.”

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

PREV tutti i dettagli per domani sabato 13 aprile – .
NEXT taglio del nastro per la pista sulla sponda del Tevere – .