Scivola l’Ekipe Orizzonte, Padova espugna Nesima e vince gara 1 della finale scudetto – .

Scivola l’Ekipe Orizzonte, Padova espugna Nesima e vince gara 1 della finale scudetto – .
Scivola l’Ekipe Orizzonte, Padova espugna Nesima e vince gara 1 della finale scudetto – .

Brutta prima volta perEkipe Orizzonte. IL infatti i rossoblù perdono davanti al simpatico pubblico di Nesima Gara 1 della ftitolo finale del campionato di pallanuoto femminile.

Finisce 8-9 per i veneti che hanno avuto il merito di giocare una sfida aperta senza pensare alle due sconfitte in regular season contro i catanesi, rispettando i dettami impartiti da coach Stefano Posterivo. Cioè, giocare senza timore reverenziale e concentrazione. La squadra padovana conferma di essere in grande crescita in questa stagione dopo aver raggiunto la finale di Coppa Italia, persa contro la Sis Roma, e la vittoria della Len Euro Cup contro Trieste il mese scorso. Freddo nei momenti decisivi ha avuto come migliori marcatori gli olandesi Schaap e Millo che hanno segnato rispettivamente quattro e tre volte.

L’Ekipe Orizzonte, invece, si è visto solo a tratti, trovando il bandolo del problema solo nella ripresa ma spegnendosi quasi del tutto nel terzo e nei momenti decisivi. Pesa l’unico gol segnato su sette superiorità numeriche collezionate.

Il Padova conduce 1-0, sabato ha il match point in casa

Sabato 18 maggio alle 18.45, diretta su RaiSport, Gara 2 a Padova che potrebbe già decidere le sorti di questa finale italiana. In caso di vittoria del Plebiscito Padova, infatti, sarebbe scudetto, il quinto, per i biancoscudate. Con una vittoria dei siciliani si andrebbe alla partita che si giocherebbe giovedì 23 maggio a Catania, a Nesima.

Il match, Ekipe Orizzonte insegue in avvio

L’Ekipe Orizzonte vista oggi ha sofferto l’avvio degli avversari ed è andata tre volte in svantaggio a causa dei gol di Schaap, autore di una doppietta, intervallati da quelli di Millo.

Poker rosazzurro e vantaggio all’intervallo

I rossoblù si sono visti solo nel secondo set che li ha visti segnare quattro volte e subire un solo gol. Marletta, doppietta, Leone e Tabani quasi nel finale hanno dato l’illusione ai siciliani con il vantaggio di due reti all’intervallo sul 6-4.

Il Catania inciampa, il Padova approfitta delle occasioni

Poi la squadra è rimasta bloccata in attacco. Nessun gol nel terzo set che ha visto gli ospiti pareggiare con Bacelle e Millo. Nel quarto quarto si assiste al ritorno dell’Ekipe Orizzonte con Leone che segna in avvio per il nuovo, e definitivo vantaggio, sul 7-6. Due rigori permettono a Schaap di pareggiare prima e poi di sorpassare nuovamente all’intervallo. Ci vuole un’invenzione di capitan Palmieri per segnare in beduino perché i padroni di casa pareggiano momentaneamente. Ma a 58 secondi dalla sirena finale Queirolo trova la mossa vincente per battere Condorelli.

L’Ekipe non riesce a trovare lo slancio giusto e l’attacco finale non va a buon fine: la palla a cinque secondi dalla fine va al Padova che esulta e porta avanti 1-0 il definitivo scudetto.

Il tabellone segnapunti

Ekipe Orizzonte-Plebiscito Padova 8-9

Parziale: 2-3; 4-1; 0-2; 2-3

Ekipe Orizzonte: L. Celona, ​​C. Tabani 1, T. Di Mario, G. Viacava, V. Gant, D. Bettini 1, V. Palmieri 1, C. Marletta 2, G. Gagliardi, M. Borisova, A. Longo, M. Leone 3, G. Condorelli, T. Lombardo. Formatore Martina Micelli

Plebiscito Padova: L. Teani, E. Bacelle 1, B. Cassara’, M. Schaap 4, E. Queirolo 1, A. Casson, A. Millo 3, A. Yaacobi, Y. Al Masri, C. Meggiato, V. Sgro ‘, A. Grigolon, E. Pozzani, S. Proietti. Formatore Stefano Posterivo

Arbitri: Ferrari e Calabrò

Nota. Circa 500 spettatori. Superiorità numeriche: Catania 1/7 + 1 rigore, Padova 3/7 + 4 rigori. Nessuna uscita per limite di falli.

Finale scudetto, il programma

Gara 1, mercoledì 15 maggio alle 18:45

  • Ekipe Orizzonte-Plebiscito Padova 8-9

Gara 2, sabato 18 maggio ore 18:45

  • Plebiscito Padova-Ekipe Orizzonte

Possibile Gara 3, giovedì 23 maggio alle 18:45

  • Ekipe Orizzonte-Plebiscito Padova.
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

PREV Messina, al rifugio “Overland” un’altra storia di un viaggio «dalle tenebre alla luce» – .
NEXT sentito nei Castelli Romani e nel Sud di Roma – .