Taranto, la gara finisce a Vicenza – .

Serviva una vittoria in trasferta, su un campo difficile, con due gol di scarto. Troppo, per il Tarantino che termina allo stadio Romeo Menti Di Vicenza la sua gara playoff per la Serie B, dopo aver eliminato Latina e Picerno. I 180 minuti della doppia sfida con la squadra titolare Renzo Rosso, Signor Diesel, presenti sugli spalti, lasciano qualche rimpianto. Anche se il vero rammarico restano i quattro punti pena in campionato, senza il quale i ragazzi dell’ Eziolino Capuano non avrebbero concluso al quinto posto, ma al secondo. Chissà che storia sarebbe stata, in una stagione iniziata con l’ormai famoso incendio di Iacovone nel Derby con Foggia.

La finale al Menti fu 0-0. L’andata allo Iacovone finì 0-1, gol di 1.000 Ferrari.

Sotto gli occhi di RaiSport la partita ha avuto un “falsa partenza” per il lancio di bombe fumogene E petardi in campo dai due tifosi, con il gioco fermo dal 2° al 10° minuto. L’occasione più grande del primo tempo è quella di De Marchi che, lanciato da Orlandocolpisce il portiere del Vicenza Confente. Al 24esimo minuto lo era Ferrari sfiora il vantaggio dei padroni di casa, per poi sfiorare nuovamente il gol al 49′.

Nella ripresa – iniziata in ritardo a causa del lancio di un fumogeno – le entrate di Kanoute E Simeri rendono il Taranto più aggressivo. Il numero 10 si rende pericoloso con un’acrobazia al 55′, i rossoblù dominano il campo per diversi minuti, il Vicenza si sveglia al 67′ con una bella girata Di morte e riprende coraggio.

Ma il vero nemico, per un Taranto in cerca di una rimonta complicata, è il tempo. Che passa velocemente. Pure.

Un’immagine della partita d’andata

Vecchio ha schierato il suo Vicenza secondo il 3-5-2 con Confente; Cuomo, Golemic, Laezza; De Col, Cavion (59′ Tronchin), Ronaldo, Greco (78′ Pellegrini), Costa; Della Morte (88′ Talarico), Ferrari (88′ Delle Monache).

La risposta di Eziolino Capuano con il 3-4-3 e questo undici titolare: Vannucchi; Riggio, Miceli, Luciani; Mastromonaco (76′ Valietti), Calvano (46′ Matera), Zonta, Ferrara; Orlando (65′ Fabbro), Bifulco (46′ Kanoute); De Marchi (46′ Simeri).

Arbitro Alberto Ruben Arena di Torre del Greco. Assistenti: Vincenzo Pedone di Reggio Calabria e Giorgio Ravera di Lodi. Quarto uomo: Domenico Mirabella del Napoli. Var: Lorenzo Maggioni del Lecco. Avar: Giacomo Paganessi da Bergamo.

d06dd34c69.jpg
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

PREV Nelle Marche, Liguria e Toscana si arriva al mare con treno + bus – .
NEXT AMP-Borsa oggi in diretta | Il Ftse Mib chiude in parità. Sul podio Pirelli, Leonardo e Recordati. Vendite su Tim – .