Arrestato il conduttore radiofonico Andrea Piscina per pornografia minorile e violenza sessuale – .

Arrestato il conduttore radiofonico Andrea Piscina per pornografia minorile e violenza sessuale – .
Arrestato il conduttore radiofonico Andrea Piscina per pornografia minorile e violenza sessuale – .

Il conduttore radiofonico Andrea Piscina, 25 anni, che conduce un programma su Rtl 102.5, è stato arrestato oggi, su ordinanza del gip di Milano Ileana Ramundo, per produzione di pornografia minorile e violenza sessuale. Secondo quanto riportato online dal Corriere della Sera e confermato da fonti qualificate all’Ansa, sui dispositivi di chi parla sono state rinvenute oltre mille immagini e chat a contenuto pedopornografico. Piscina, secondo le indagini del pm Giovanni Tarzia e del Nucleo Investigazioni e Prevenzione del Nucleo Crimini Informatici e Telematici della Polizia Locale di Milano, avrebbe avuto rapporti, anche tramite videochiamate, con minori tra i 9 e i 14 anni, adescati sul web fingendosi una ragazzina di nome Alessia. Ha chiesto ai minorenni di compiere atti sessuali. Una delle vittime, secondo le indagini, sarebbe stata agganciata da Piscina non sul web, ma nella sua attività in una società sportiva.

La denuncia nel 2023 e il tentativo di cancellare le chat

L’oratore era già stato perquisito dal reparto specializzato della polizia locale nelle scorse settimane. Poco prima avrebbe cancellato tutte le chat e le videochiamate ma gli inquirenti sono comunque riusciti a recuperare le immagini, che hanno portato all’accusa di produzione di materiale pedopornografico e violenza sessuale. Quest’ultimo delitto gli è stato attribuito perché, fingendosi una ragazza, chiedeva atti sessuali a minorenni online. Di qui l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, eseguita oggi per capi di imputazione che vanno dal 2021 al 2023. La madre del bambino, che frequentava il centro sportivo, aveva invece presentato denuncia già nell’estate del 2023.

(foto Andrea Piscina IG)

Leggi anche:

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

NEXT sì, ci sono anche quelli di Bridgerton 3! – .