Sequestro documentale di medicinali senza autorizzazione sanitaria – .

ANCONA – Le Fiamme Gialle di Ancona e funzionari della locale Agenzia delle Dogane e dei Monopoli hanno effettuato un enorme sequestro, senza precedenti nel Porto Dorico, scongiurando un pericolo grave e immediato per la salute dei potenziali consumatori. Nel corso dei controlli effettuati su un autoarticolato sbarcato da una motonave proveniente dalla Grecia, è stato scoperto un carico ben nascosto costituito da un’enorme quantità di medicinali di origine indiana, tutti privi delle autorizzazioni e certificazioni necessarie per la loro importazione e distribuzione in Italia. La spedizione comprendeva oltre 2.100.000 dosi di farmaci irregolari, di cui 1.700.000 contenenti i principi attivi Sildenafil, Tadalafil e Vardenafil, utilizzati per la disfunzione erettile. Per eludere i controlli, la documentazione fornita per il trasporto indicava falsamente e ingannevolmente che la merce consisteva in cosmetici spediti da un’azienda greca, ignara del trasporto. Da ulteriori accertamenti è emerso che 12 pallet trasportati sul veicolo, del peso di 7 tonnellate, contenevano una vasta gamma di medicinali, recanti marchi noti come Kamagra, Cobra, Careforce, Sexforce, Vilitra, in vari formati, ovvero gel, compresse, caramelle, compresse effervescenti, completamente prive delle necessarie autorizzazioni rilasciate dall’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA). Oltre ai farmaci per il potenziamento sessuale, oltre 400.000 dosi di farmaci contenenti Gonadotropina, ossia ormoni che favoriscono la gravidanza, spesso utilizzati anche nel mondo dei bodybuilder per aumentare la massa muscolare, e Preanailin, un farmaco antiepilettico, spesso utilizzato come potenziatore degli effetti della droghe. Il ritrovamento di questo ingente quantitativo di droga, non commercializzabile legalmente sul territorio nazionale e il più grande mai registrato in Italia per questa categoria, ha comportato il loro immediato sequestro e la denuncia del conducente del veicolo alla Procura della Repubblica di Ancona. L’ingente volume di farmaci scoperti avrebbe potuto generare profitti nel mercato clandestino pari a circa 20 milioni di euro, con rischi molto gravi per la salute dei potenziali consumatori, poiché i prodotti farmaceutici sono assolutamente privi di certificazioni e autorizzazioni da parte delle autorità sanitarie nazionali competenti. foto: Ufficio stampa Guardia di Finanza – ADM. tvi/com 15-mag-24 09:44

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

NEXT i più attenti lo riconosceranno in 5 secondi – .