“Continuiamo a chiedere un cessate il fuoco a Gaza e uno sforzo diplomatico per l’Ucraina” – .

Montefiascone – La segretaria nazionale del Pd Elly Schlein, candidata alle elezioni europee, questo pomeriggio in piazza Vittorio Emanuele

Montefiascone – “Continuiamo a chiedere un cessate il fuoco a Gaza e uno sforzo diplomatico per l’Ucraina”. La segretaria nazionale del Pd Elly Schlein, candidata alle elezioni europee, questo pomeriggio in piazza Vittorio Emanuele a Montefiascone per l’apertura della campagna elettorale dell’8 e 9 giugno.


Elly Schlein a Montefiascone


Elly Schlein è arrivata a Montefiascone intorno alle 15,30.

A fare gli onori di casa il sindaco Giulia De Santis insieme agli altri componenti dell’amministrazione comunale, tra cui gli assessori Luciano Cimarello, Giorgio Cacalloro, Carla Mancini, l’assessore Marco Frallicciardi e il segretario del Partito Democratico locale Vincenzo Frallicciardi.


Elly Schlein a Montefiascone


Erano presenti i consiglieri regionali Enrico Panunzi e Marta Bonafoni, il segretario regionale del Pd Daniele Leodori, la segretaria provinciale del Pd Manuela Benedetti, il consigliere provinciale Maurizio Palozzi e alcuni sindaci della circoscrizione.

Il segretario nazionale del Pd si è recato prima a Civita Castellana e Viterbo, poi a Montefiascone e poi ha proseguito per Acquapendente e Tarquinia.


Elly Schlein a Montefiascone

Elly Schlein a Montefiascone


Un giro nella Tuscia organizzato dal Partito Democratico Viterbese. Intorno alle 15.30 è arrivata in piazza Vittorio Emanuele ed è stata accolta con lo striscione: “Benvenuta Elly”.

Poi i saluti del sindaco Giulia De Santis e del segretario locale del Pd Vincenzo Frallicciardi.


Elly Schlein a Montefiascone

Elly Schlein a Montefiascone


“Che piacere essere a Montefiascone – ha detto Elly Schlein -, è la prima volta che vengo qui. Le prossime elezioni europee sono molto importanti perché l’Italia ha bisogno di un’Europa più unita e più forte. Lo abbiamo visto con la tragedia della pandemia, che ha colpito tutti noi, ha aumentato i morti, ha aumentato la sofferenza delle persone e ha aumentato qualcosa di cui la politica non parla mai, che è la solitudine delle persone. E dobbiamo prendere a cuore cos’è il diritto alla felicità e dobbiamo rimetterlo al centro dell’agenda politica del Pd. E come lo facciamo? Lo facciamo lavorando insieme per l’Europa che vogliamo. Qual è allora l’Europa che vogliamo? È un’Europa più sociale che per noi significa cose concrete: più risorse per la sanità pubblica e difenderla dai tagli e dalle privatizzazioni”.


Elly Schlein a Montefiascone

Elly Schlein a Montefiascone


Sempre in piazza Vittorio Emanuele, dalle 12.30, è stato allestito un gazebo informativo e di ristoro a cura della sezione locale del Partito Democratico, dove si è svolta la raccolta di firme per il salario minimo.

“Un’Europa più sociale – ha aggiunto Elly Schlein – per noi è un’Europa che parte dal lavoro, bisogna combattere la precarietà del lavoro. La natalità è il risultato della precarietà delle donne e dei giovani in particolare che hanno paura del futuro e temono di non potersi permettere di costruire una famiglia. Dobbiamo puntare a maggiori investimenti nella scuola pubblica a partire dagli asili nido”.


Elly Schlein a Montefiascone

Elly Schlein a Montefiascone


Il segretario nazionale del Pd si è poi soffermato su lavoro e diritti: “Per noi l’Europa del lavoro significa rimettere al centro il salario”.

Il grido per la pace nel mondo del segretario del Pd è arrivato anche da Montefiascone.

“Un’Europa che non dimentica la sua storia – ha concluso Elly Schlein – e non dimentica che è nata come progetto di pace e un progetto di pace deve restare. Non un’economia di guerra. Continuiamo quindi a chiedere un cessate il fuoco a Gaza per salvare i civili da questo massacro, liberare tutti gli ostaggi dei gruppi terroristici di Hamas e portare tutti gli aiuti necessari. Continuiamo a chiedere uno sforzo diplomatico e politico all’Unione Europea per stare al fianco del popolo ucraino invaso ma anche per riuscire a isolare anche lì la Russia e creare le condizioni perché anche quella guerra possa finire”.

Michele Mari

18 maggio 2024

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

PREV Alluvione, al Pala Cattani di Faenza una giornata per dire “grazie” – .
NEXT Se ne va Loretta Goggi, ecco chi prende al suo posto Carlo Conti – .