SpaceX e Blue Origin sono tra le aziende che si offrono di riportare campioni di Marte sulla Terra.

SpaceX e Blue Origin sono tra le aziende che si offrono di riportare campioni di Marte sulla Terra.
SpaceX e Blue Origin sono tra le aziende che si offrono di riportare campioni di Marte sulla Terra.

Lo scorso aprile la NASA ha tenuto una conferenza stampa in cui ha annunciato di non poter portare a termine la missione Mars Sample Return come previsto, a causa di problemi di tempi e costi. Per questo si è rivolta al mondo esterno, lanciando un appello anche al settore privato alla ricerca di idee per poter raccogliere e riportare sulla Terra i campioni che il rover Perseverance sta depositando sulla superficie di Marte.

Ora la NASA ha annunciato di aver selezionato dieci idee meritevoli di ulteriori studi di fattibilità. Tre provengono dai centri della NASA, dal JPL e dal Johns Hopkins Applied Physics Laboratory. Gli altri sette candidati che hanno risposto all’appello della Nasa appartengono all’industria privata, una lista che comprende altri partner industriali storici dell’agenzia spaziale americana, come Lockheed Martin o Northrop Grumman, ma anche nuove realtà come SpaceX e Blue Origin. In particolare, questo è l’elenco dei progetti selezionati dalla NASA:

  • Lockheed Martin: “Lockheed Martin – Studi rapidi di progettazione di missioni per il ritorno di campioni da Marte”;
  • SpaceX: “Abilitare il ritorno dei campioni da Marte con Starship”;
  • Aerojet Rocketdyne: “Un veicolo a carburante liquido ad alte prestazioni per l’ascesa su Marte, che utilizza tecnologie di propulsione altamente affidabili e mature, per migliorare l’accessibilità economica e il palinsesto dei programmi”;
  • Blue Origin: “Sfruttare Artemis per il ritorno dei campioni da Marte”;
  • Spazio Quantistico: “Studio della gamba di ancoraggio quantistica per il ritorno di campioni da Marte”;
  • Northrop Grumman: “Studio comparativo della propulsione MAV ad alto TRL e progettazione concettuale per la progettazione rapida di missioni MSR”;
  • Whittinghill Aerospace: “Uno studio di progettazione rapido per il veicolo di ascesa su Marte a stadio singolo per il ritorno del campione su Marte (MSR).”

Ciascuna di queste società riceverà un contratto per un massimo di 1,5 milioni di dollari per realizzare uno studio di fattibilità da presentare alla NASA nei prossimi 90 giorni. Tra le idee sorprende quella di SpaceX, che vedrebbe l’utilizzo di Starship. L’amministratore della NASA Bill Nelson è stato chiaro nel voler completare la missione entro il prossimo decennio a tutti i costi. Come abbiamo visto la scorsa settimana, nonostante i grandi progressi, SpaceX deve ancora completare Starship e dimostrare di poterla far atterrare sulla Terra. L’atterraggio su Marte è terribilmente più complicato, a causa dell’atmosfera sottile, oltre alle difficoltà insite in un viaggio così lungo, per non parlare della necessità poi di decollare anche dalla superficie di Marte. E prima di arrivare su Marte, SpaceX ha anche il compito di riportare l’Uomo sulla Luna con Artemis III.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

PREV scopri il tuo giorno fortunato dal 17 al 23 giugno 2024! – .
NEXT Ravenna, si aggrava il bilancio delle vittime dell’incidente di via Sant’Alberto. È morto l’ex dirigente Romeo Giacomoni