“Sono un padre geloso e paranoico. Amici? Pochi, in realtà non piaccio a nessuno»- Corriere.it – .

“Sono un padre geloso e paranoico. Amici? Pochi, in realtà non piaccio a nessuno»- Corriere.it – .
“Sono un padre geloso e paranoico. Amici? Pochi, in realtà non piaccio a nessuno»- Corriere.it – .

«Non importa quanto duramente colpisci, ma quanto duramente ti colpiscono. E conta andare avanti». La metafora del pugilato, quello su cui, grazie a Rocky, ha costruito la sua fortuna di attore (e conseguente fortuna da centinaia di milioni di dollari). Sylvester Stallone, 76 anni portati con molta ironia e altrettanto lifting, ha deciso di uscire dalla parte (da attore) e mostrarsi per quello che è, nella vita di tutti i giorni. Lui, sua moglie Jennifer Flavin e le loro tre figlie – Sophia (26), Sistine (24) e Scarlet (20), indossano tutte la “S” iniziale, il marchio di fabbrica di Sly. Sono i protagonisti di La Famiglia Stallone il docu-reality disponibile su Paramount+ dove vediamo l’ex Rambo pulire la coda del gatto con una spazzola, come i Ferragnez qualsiasi (per restare con la nostra coppia reale) o abbassarsi al livello di qualsiasi Kardashian, le cinque sorelle che hanno fatto carriera diventando famoso quanto famoso.

Ha trascorso la sua vita sul set, lontano da casa per settimane: come gestisce i suoi sensi di colpa per le assenze così prolungate dalla sua famiglia?
«In passato sono stato fuori casa molto, 100 giorni, a volte anche 130 giorni. Mi dispiace, mi dispiace. Penso che molti attori si sentano in colpa per aver trascorso così tanto tempo lontano dalle loro famiglie senza mai godere del piacere di vedere i propri figli crescere e sbocciare.

Sullo schermo hai sempre portato la figura dell’eroe hollywoodiano, l’invincibile maschio alfa. Senza i guantoni da boxe di Rocky e la mitragliatrice di Rambo, che tipo di padre è?
“Sono un padre molto, molto attento alla sicurezza e protettivo, in altre parole vivo nella paranoia su ciò che può accadere là fuori; Sono sempre preoccupato per la sicurezza delle mie figlie, anche ora che sono adulte. Se hanno un appuntamento, li chiamo: “Non sei ancora a casa? Dove sei?”. Sai, da buon padre italiano! Ma non devo dirglielo…».

Una figlia interviene e lo ferma: «Mi chiama quando sono fuori e comincia a martellarmi: ‘Dove sei? Cena con amici? Dove? Quali amici? Quante persone? È molto difficile per noi avere un partner. Molti ragazzi poi si intimidiscono quando sentono che tuo padre è Sylvester Stallone… c’è anche chi viene con un copione: ma vuoi uscire con me o con mio padre?». Col fiato sul collo, ma non solo: «Papà ci ha fatto appassionare allo sport, ci ha mostrato il lato artistico, ci ha fatto dipingere, ci ha fatto uscire dal nostro guscio quando eravamo ragazzine timide e spaventate. E il senso dell’umorismo che abbiamo preso da lui. È anche testardo, se gli proponi un’idea torna il giorno dopo dicendo che è stata una sua idea…».

È davvero così geloso delle sue figlie?
«Oh si! Certo, è un mondo duro là fuori, fa paura e sai che i ragazzi con cui usciranno sono ragazzi… Il mio motto è: lontano dagli occhi, lontano dalla mente. Non pensarci troppo».

Padre latitante, è stato lo stesso con tua moglie?
“Sono stato molto egoista a comportarmi come fanno le star del cinema. Non l’avevo capito e ascoltato fino a circa un’ora fa…». Ecco il senso dell’umorismo.

È vero che vede sempre gli stessi pochi amici?
Ride ancora: “Sì, perché non piaccio a nessuno”.

Quali errori senti di aver commesso con la tua famiglia?
“Quanto dura il colloquio? Posso dire che nella vita di tutti i giorni posso essere un po’ impaziente, a volte un po’ insensibile. E poi sono chiassoso, teatrale, con la mia voce che sembra uscire da un cantante lirico».


Sentiamo l’opinione di tua moglie…
‘Sai, conosco Sly da oltre 35 anni, lo conosco da quando avevo 20 anni. È stato difficile per me condividerlo con il mondo per molti anni senza avere abbastanza tempo per ognuno. altro. Non puoi camminare per strada come fa una coppia normale, o andare in albergo e sdraiarti a bordo piscina, o goderti una vacanza, perché sai che un sacco di gente verrà a chiederti autografi, foto, selfie. Quindi è stato difficile doverlo condividere sempre con i fan. Poi, poiché ha detto che era spesso in giro per i suoi film, è stato difficile non vederlo per lunghi periodi di tempo.

Com’è Sly fuori dal set?
“Ha un cuore enorme, è così incredibilmente amorevole. Se fai parte della squadra morirà per te. Farebbe qualsiasi cosa per me, per le ragazze e per la nostra vita insieme. È davvero super leale. E poi è l’uomo più divertente che conosca, questa è la parte migliore di Sly: mi fa sempre ridere, ridiamo dalla mattina fino a quando andiamo a letto. Non prendiamo mai le cose troppo sul serio, penso che sia bello non essere super seri nella vita».

A guardarlo è un reality show dalla raffinata verità, come accade sui social dove si filtra solo il lato migliore. Sembra essere una scelta precisa, vero Mr Stallone?
«Alcune cose appartengono solo alla famiglia, altre è bello condividerle con il pubblico. Quindi non ci vedrai in camera da letto e se ci capita di avere una brutta giornata non vogliamo mostrarlo al mondo intero. Alla fine questo è un reality che deve divertire, teniamo per noi cose troppo personali».

Per questo non c’è spazio per la crisi che i due hanno attraversato di recente, una crisi nata per questioni di lavoro: Jennifer era arrabbiata perché suo marito «stava intenzionalmente sprecando i beni coniugaliA”; Sylvester era riuscito a cancellare sulla pelle i due tatuaggi che si era fatto per certificare il suo amore per la moglie. Il divorzio sembrava fatto, poi nel giro di poche settimane tutto è tornato, l’amore (o gli affari, viste le cifre in gioco nella separazione) ha trionfato. «È stato come un risveglio. Ho capito che la cosa più importante di tutte è la mia famiglia», aveva detto tempo fa.

Una ricchissima carriera cinematografica, ma anche una biografia cinematografica sentimentale perché a Sly non si è fatto mancare nulla, tradimenti (commessi e subiti), figli veri e presunti, uno — Sage Stallone — tragicamente morto a 36 anniuna collezione civettuola con modelle da copertina, da Naomi Campbell a Janice Dickinson, da Tamara Beckwith ad Angie Everhart. Collezionista di flirt ma anche di matrimoni (per ora è arrivato a tre). La prima risale al 1974 quando sposò l’attrice Sasha Czack, sua collega ai tempi del Baronetto, dove Stallone vendeva biglietti per il teatro. Finisce 10 anni dopo anche perché nel frattempo Sly ha una relazione con l’attrice e cantante Susan Anton. Inquieto, mai soddisfatto, sempre alla ricerca di qualcosa. Con Brigitte Nielsen è subito amore a prima vista ma i titoli di coda arrivano altrettanto in fretta: i due si sposano entro cinque mesi nel 1985, ma due anni dopo le carte del divorzio sono già state firmate.


Seguono anni spensierati, alla continua ricerca della felicità di coppia, ma la stabilità si trova solo dentro molte relazioni diverse finché in un ristorante di Beverly Hills incontra l’ennesima modella, Jennifer Flavin: lui aveva 42 anni, lei appena 20. Ma la differenza d’età non è un problema, i problemi sono altri: dopo circa sei anni di relazione, nel marzo del 1994 , la lascia con una lunga lettera inviata tramite FedEx (“Una lettera così sciatta”, ha detto, sconsolata per la scarsità di contenuto). In mezzo il solito tradimento, questa volta con la modella Janice Dickinson. Ma non basta: perché lei è incinta e il bambino è di Sly. L’attore decide di assumersi la responsabilità per lui (del tradimento e del bambino) e lascia Jennifer. Nasce Savannah Stallone ma sorgono anche i primi dubbi sulla paternità, perché la modella nel frattempo usciva con altri due uomini. Stallone chiede un test del DNA e lo scopre quella che ha creduto essere sua figlia per sei mesi è in realtà la figlia di qualcun altro. A questo punto torna da Jen in ginocchio: lei lo perdona e nel 1997 si sposano.

Happy End, come piace a Hollywood, un posto dove c’è sempre posto per i duri come lui: «Da Ercole in poi abbiamo sempre avuto bisogno di eroi, di guerrieri – ha detto in un’intervista -. Non ha nulla a che fare con il genere o altre questioni intellettuali. Per me gli eroi sono ancora Charles Bronson e Clint Eastwood. Il maschio, l’uomo alfa. È un modello che mi piace, a cui mi ispiro. Questo non significa essere misogini o intolleranti, non c’entra niente. Ma diventare un guerriero è sempre stato il sogno di ogni ragazzo. È la nostra cultura: la società ha bisogno di eroi, e il cinema è la macchina che li faA”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

NEXT dice di essere super innamorata – .