no, il terremoto di oggi a Napoli non è stato di 3,7. Cosa ha causato l’errore (iniziale) dell’Ingv – .

no, il terremoto di oggi a Napoli non è stato di 3,7. Cosa ha causato l’errore (iniziale) dell’Ingv – .
no, il terremoto di oggi a Napoli non è stato di 3,7. Cosa ha causato l’errore (iniziale) dell’Ingv – .

Napoli, 18 maggio 204 – La terra degli dei continua a tremare Campi Flegrei. E non è niente di nuovo. IL terremoto Di Oggi nell’hinterland napoletano, invece, è stata meno forte di quanto inizialmente comunicato dall’Ing. Una prima individuazione dell’IIstituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia – diffuso anche via Twitter – ha parlato di uno sciame con una forte scossa registrata alle 6.30 magnitudo 3.7. I principali siti di informazione hanno riportato correttamente la notizia, citando l’Istituto.

In un primo comunicato datato 7.07, l’INGV precisa che “sono stati rilevati in via preliminare 4 terremoti con magnitudo Md ≥ 0,0 e magnitudo massima Md = 3,7 ± 0,3”. Una stima evidentemente al rialzo, visto l’aggiornamento delle 8.35 in cui l’Istituto corregge la situazione. “L’evento delle 06:30:55 ora italiana (04:30:55 UTC) è stato rivisto a seguito del ricalcolo della magnitudo a Md 2,8+/-0,3”.

Ricapitolando: i due eventi principali questa mattina all’alba sono stati registrati alle 6:06 con epicentro nel comune di Pozzuoli (magnitudo 2.2) e alle 6.30, epicentro ancora a nord di Pozzuoli, magnitudo 2.8.

L’Ingv ha ricalcolato la magnitudo del terremoto di oggi (ore 6.30) alle ore 2.8. Epicentro Pozzuoli

Perché la grandezza è cambiata

Non dovrebbe sorprendere ricalcolo della magnitudo. L’Istituto procede sempre con un preventivo iniziale al quale deve comunicare immediatamente Protezione Civile, che deve capire se e come intervenire. Con il passare dei minuti l’INGV riesce a raccoglierne di più dati Dai sismografi e poi affinare la misurazione. Solitamente il divario è minimo, nel caso di oggi è stato più significativo.

Lo stesso Istituto spiega l’errore iniziale: la magnitudo è stata sovrastimata a causa di una “sovrapposizione di numerosi piccoli eventi (sedici ed.) immediatamente successivo a quello che hanno ha distorto la lettura preliminare”.

I terremoti dei Campi Flegrei e il fenomeno del bradisismo

Il terremoto, anche se di bassa intensità, è stato comunque sentita dalla popolazione data la bassa profondità (3 km). Infatti, più un terremoto è superficiale, più forte sarà percepito, a parità di magnitudo. Gli eventi nell’area vulcanica dei Campi Flegrei sono legati al sollevamento del suolo (bradisismo), fenomeno in corso dal 2005, provocato dal magma che scorre in profondità. Sono generalmente caratterizzati da profondità ridotta e magnitudo bassa. Dal 2023 si è assistito ad un graduale aumento della frequenza dei terremoti. Da allora, il 27 settembre e il 2 ottobre si sono susseguiti due eventi chiave, di magnitudo 4.2 e 4.0.

Proprio nel mese di aprile 2024, Lo ha registrato l’Ingv 1252 terremotimagnitudo massima 3.9.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

PREV Arriva Morgillo – La Provincia – .
NEXT Credenti LGBT+, martedì 18 giugno a Bisceglie la presentazione del libro di Matteo Mennini – .