Busto, la maggioranza risarcisce il saldo finale. Antonelli: «Schiavi? Consiglieri preziosi”

Busto, la maggioranza risarcisce il saldo finale. Antonelli: «Schiavi? Consiglieri preziosi”
Busto, la maggioranza risarcisce il saldo finale. Antonelli: «Schiavi? Consiglieri preziosi”

BUSTO ARSIZIO – Al secondo tentativo la maggioranza riesce a discutere e approvare la relazione sulla gestione. Questa volta c’è il quorumdopo il pasticcio della prima convocazione, e il documento da votare passa con 13 a favore, la maggioranza assoluta. Ma più che i conti di bilancio fa discutere la “rivolta degli schiavi” nell’editoriale di Gianfranco Bottini. «Schiavi? I consulenti svolgono un lavoro molto prezioso» la risposta di sindaco Emanuele Antonelli direttamente dal suo posto nella sala esagonale.

Le scuse del sindaco

La maggioranza serra i ranghi e si presenta quasi al completo (solo due assenze giustificate, Tallarida e Tovaglieri) per la seconda convocazione del consiglio comunale, dopo la disgrazia della seduta saltata la sera prima per i vuoti tra i banchi del centrodestra. «Chiedo scusa a tutta la minoranzama anche con tecnici, dirigenti, segretario, per essere dovuti rientrare questa sera – così il sindaco Antonelli chiude il caso del mancato numero legale – può succedere, è successo per la prima volta in otto anni, e mi dispiace per questo disguido. Parole che Gianluca Castiglioni (Busto al Centro) ha preso atto ringraziando il sindaco: «Chieda scusa è segno di nobiltà d’animoanche se già qualche mese fa c’era il rischio di un incidente”.

Il rapporto

Ciò che “occupa” quasi tutta la serata, fino a mezzanotte, è l’approvazione della relazione sulla gestione, illustrata dall’artl’assessore al Bilancio Maurizio Artusa con il consuntivo 2023, che ha generato a maxi eccedenza gratuita di oltre 8 milioni di euro. L’assessore parla di «bilancio sostanzialmente in ordine. E ti sfido a trovare lacune e carenze”. Poi il sindaco e gli assessori riferiscono su quanto fatto nell’ultimo anno, ciascuno per la propria delegazione. Lo fa soprattutto il sindaco il punto sulla situazione dell’Agesp – sottolineando il «tendenza positiva» delle Terme, lo Strumentale «che perde mezzo milione anche nel 2023 ma migliora la gestione operativa», l’Energy che «ha ampiamente superato la crisi» e Neutalia che va verso «1,4 milioni di utile» – ed elenca le opere pubbliche e i cantieri del PNRR in fase di avvio: «È stato un sacco di lavoro». Tra i tanti ringraziamenti spicca quello al delegato al verde Orazio Tallaridache fa “uno splendido lavoro”.

Antonelli contro Bottini

Nell’intervento del sindaco Antonelli c’è anche il fuori programma in risposta all’editoriale di Gianfranco Bottini su Malpensa24: «Non posso chiamarli schiavi ma i miei consulenti svolgono un lavoro molto prezioso e non vengono pagati, come tutti voi – dice rivolgendosi alla minoranza – Mi dispiace che fossero chiamati schiavi, la democrazia è bella per questo. Ma detto da uno che è stato schiavo, anzi consigliere, per tanti anni – qui riferendosi a Bottini – e ha avuto anche parecchie retribuzioni e è riuscito a provocare disastri, come la pista di pattinaggioMi scuso per questi commenti.”

Il dibattito sugli “schiavi”.

Castiglioni (BaC) interviene anche sulla questione “schiavi”: «È giusto rispettare le opinioni di tutti. Sono abbastanza d’accordo con quanto scritto (di Bottini, ndr). Più volte ho sentito esprimere un parere dai banchi della maggioranza, Pro o contro”. E poi anche Roberto Ghidotti (Lista Antonelli): «Non mi piace il termine “schiavi”, Mi piace Loschiavo che è il nostro consigliere. E gli interventi li ho sempre fatti io, secondo le mie competenze”.

Dichiarazioni di voto

L’opposizione, però, non fa concessioni. Maurizio Maggioni (PD) vede «prospettive difficili» per il futuro: «Le nuove opere finanziate dal PNRR costeranno quando dovremo gestirli e per i servizi servono iniziative innovative, altrimenti non riusciremo a raggiungere i nostri obiettivi”. In definitiva, il bilancio finale «manca la dimensione strategica». Gianluca Castiglioni (BaC) riferisce «i problemi irrisolti», parlando di impianti sportivi – «palestra ginnica e piscina» – illuminazione pubblica, verde e rifiuti, mentre Santo Cascio (Progetto in Comune) stigmatizza «il tiro al bersaglio su alcuni consiglieri, non mi piace questo atteggiamento perché poi i progetti vengono ritirati, svuotando il ruolo del consiglio comunale”. Chiaro riferimento al caso PUMS. Emanuele Fiore (gruppo misto) denuncia invece “gravi omissioni”, citando gli aumenti dei prezzi di mense, autobus e parcheggi. «Ma questi sono argomenti che non c’entrano nulla con il consuntivo. Il che è inattaccabile” risponde Simone Orsi (Lega). E Luca Folegani (FdI) rimprovera l’opposizione che «ringrazia, apprezza, poi vota contro. Non è coerente.” Il voto è 13-6 per la maggioranza: passa il consuntivo, la variazione di bilancio e la nuova convenzione per il sistema bibliotecario.

Busto di schiavi Arsizio – MALPENSA24

(funzione(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) ritorno; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = “//connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.5”; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(documento, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

PREV L’Aquila-Samb 1-1. Gol degli abruzzesi al 5′ di recupero – .
NEXT “Molta pioggia.” Quali saranno le “regioni salvate” – Il Tempo – .