“25 aprile c’è ancora una liberazione da raggiungere ed è quella dalle morti sul lavoro” – .

“25 aprile c’è ancora una liberazione da raggiungere ed è quella dalle morti sul lavoro” – .
“25 aprile c’è ancora una liberazione da raggiungere ed è quella dalle morti sul lavoro” – .

Politica – Lo dichiara il segretario generale della Uila Viterbo, il sindacato dei lavoratori agricoli

Viterbo – riceviamo e pubblichiamo – “25 aprile, in Italia c’è ancora una guerra da combattere, una resistenza da fare e una Liberazione da realizzare. Ed è quello delle morti sul lavoro”. Lo dichiara il segretario generale della Uila Viterbo, il sindacato dei lavoratori agricoli, Antonio Biagioli.

Antonio Biagioli


“La Festa della Liberazione è un momento fondamentale e sacro nella vita della Repubblica e della democrazia italiana – prosegue Biagioli -. Una giornata in cui si rinnova il ricordo della lotta partigiana contro il nazifascismo e la fine della dittatura fascista. Così come si rinnova la promessa di continuare a lottare sempre e comunque contro ogni forma di oppressione, fascismo, sfruttamento e per la pace”.

“Il 25 aprile – prosegue Biagioli – è anche il giorno in cui dobbiamo dire apertamente che le morti sul lavoro, 3 al giorno, ogni giorno, sono una violazione palese e insopportabile della Costituzione e di tutti i valori democratici che caratterizzano la nostra villaggio. E che finché ci sarà una sola morte per lavoro, in una Repubblica fondata sul lavoro, non ci sarà Liberazione. Non del tutto.

Antonio Biagioli

Segretario generale della Lega Municipale Uila di Viterbo

25 aprile 2024

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

NEXT Playoff LBA – Virtus Bologna-Venezia, le ultime dalle infermerie – .