«Al lavoro per il bene della città» – .

«Proclamo eletto alla carica di sindaco del Comune di Sassari il signor Giuseppe Mascia». Con queste parole pronunciate questo pomeriggio nella Sala del Consiglio di Palazzo Ducale, seguite da lunghi applausi, si è aperta a Sassari l’era del sindaco Giuseppe Mascia, candidato del centrosinistra eletto al primo turno delle elezioni amministrative dell’8 e 9 giugno con 31.096 preferenze.

Il sindaco uscente, Nanni Campus, gli ha consegnato la fascia tricolore, prima del discorso di rito: «Per arrivare qui c’è tanto lavoro, che non è solo mio. Abbiamo corso con l’idea di dare speranza alla città, lavoreremo duro e sicuramente incontreremo momenti difficili, quindi aiutateci a lavorare bene”, ha detto Mascia nelle sue prime dichiarazioni da sindaco. “Cercheremo – ha aggiunto – il bene di chiunque vive in questa città, di chi passa e a chi la lasciamo”.

Ora si apre il primo fronte per Mascia, quello della nomina del consiglio, che prudentemente annuncia di voler chiudere in 15 giorni: «Lavoreremo molto questa settimana con il confronto politico con i gruppi con cui abbiamo vinto le elezioni, che sono già in corso. Ho intenzione di accelerare il più possibile per avere il concilio tra due settimane”.

La ripartizione dei nove dipartimenti sarà calibrata sulla base dei voti ottenuti dalle sette liste della coalizione di centrosinistra e del Pd, con il 20,51% delle preferenze e 10 seggi in Consiglio comunale sui 21 della maggioranza. , dovrebbero dominare: almeno i Dem dovrebbero andare in tre dipartimenti, due posti dovrebbero andare sia ad Avs che al M5s; uno ciascuno per i Progressisti e uno per Futuro Comune.

(Unioneonline)

©Tutti i diritti riservati

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

PREV L’America Latina sta esaurendo l’acqua. Come mai prima d’ora – .
NEXT Portano voti ma contano meno, in Piemonte riformisti all’angolo – .