I borseggiatori romani entrano senza biglietti né assegni – Libero Quotidiano – .

Claudio Brigliadori

23 maggio 2024

«Fermate le persone oneste. E non ladri. Per Valerio Staffelli e l’equipaggio di La notizia si sparge un’altra odissea nelle metropolitane di Milano. E lo storico inviato del telegiornale satirico di Canale 5 fondato e diretto da Antonio Ricci questa volta perde le staffe non con i borseggiatori, ma con le guardie giurate della Stazione Centrale.

Sulle tracce di decine di giovani signorine pronte a prendere di mira pendolari, passeggeri e turisti dei mezzi pubblici, Staffelli scatena un suo collaboratore con una telecamera nascosta. Giunta ai cancelli d’ingresso dei binari della stazione, la ragazza viene fermata dalla sicurezza. Controllano il suo biglietto, si informano sul percorso e, di fronte alle proteste dell’addetto di Striscia (in incognito), sequestrano il titolo di viaggio regolarmente esposto. “Non c’è niente da discutere, fermiamo anche le persone in giacca e cravatta”, le spiega un dipendente.

Nel frattempo, però, un borseggiatore entra dai tornelli di uscita come se nulla fosse, indisturbato. Interviene allora Staffelli: «Perché avete fermato la ragazza con il documento di viaggio? Non puoi trattenerla, le hai fatto perdere un treno. «Il signor Staffelli stai calmo – risponde il dipendente -, li buttiamo via, non tu. Fa solo spettacoli. “I controlli dovrebbero essere effettuati su tutti – spiega poi l’inviato ai telespettatori – non solo sulla nostra troupe quando entra per assistere a ciò che accade in queste strutture”.

Avanzando verso la metropolitana, infatti, ecco le solite scene: i ladruncoli che si muovono senza problemi (e senza biglietto) a caccia delle prossime vittime. Staffelli cammina dietro una signora e avvisa chi gli sta intorno: «Attenzione, fate attenzione, borseggiatori, borseggiatori!». E via verso un’altra (brutta) avventura.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

PREV il gesto inaspettato – .
NEXT ONE PIECE, 5 personaggi che Zoro ancora non riesce a battere – .