per molti a Bergamo potrebbe essere l’ultimo in granata – .

Sabato hanno salutato l’Olimpico Grande Torino e domenica saluteranno il Toro. In casa Granata si respira aria di rivoluzione, non potrebbe essere altrimenti quando in panchina si vive un ribaltone. E non ci sono dubbi sul fatto che Ivan Juric concluderà la sua esperienza sotto la Mole a Bergamo. Ma ci sono anche diversi giocatori che stanno arrivando ai titoli di coda, a cominciare da quelli in scadenza di contratto a giugno 2024: capitan Rodriguez è l’unico per cui la porta è ancora socchiusa anche se dovrebbe dire addio, mentre su Djidji e Gemello ci sono ci sono pochissimi dubbi. E anche gli acquisti di gennaio, tutti presi in prestito con diritto di riscatto, sono ormai prossimi a dire addio. Lovato e Okereke non hanno superato l’esame, Kabic è arrivato come un oggetto misterioso e partirà tale, per Masina c’è uno spiraglio di trattativa con l’Udinese per provare ad abbassare la richiesta di 1,5 milioni di euro.

Dai giocatori in scadenza a quelli rifiutati, si passa ai nomi “importanti”, quelli che durante la stagione sono stati protagonisti assoluti perché intoccabili (o quasi) per Juric. Inevitabile che ci sia qualche uscita importante per finanziare il mercato in entrata, tutti i segnali puntano a Buongiorno: il canterano è in rampa di lancio e, con l’Europeo di metà giugno, può prendere definitivamente il volo. Anche nella sua valutazione, ovviamente, con il presidente Cairo che ha già avvertito che chiederà almeno 40 milioni di euro per sedersi al tavolo delle trattative. La Premier League stuzzica il ragazzo, in Italia ci sono le solite big Milan, Inter e Napoli con la Juve che non è da escludere a priori, anche se un suo “tradimento” sarebbe clamoroso. Insieme a Buongiorno, anche Bellanova partirà per la missione con la Nazionale in Germania, l’altro gioiello creato da Juric che avrà un grande mercato. Ci spera ancora Ricci, ultimo granata che potrebbe essere sacrificato in caso di offerte mostruose.

Per Zapata si attendono novità dal Messico, con Cruz Azul che sembrava pronto all’attacco e invece ora si è tirato indietro, così come Vanja strizza l’occhio all’Arabia Saudita: da un lato ci sono i contratti multimilionari che possono garantirgli gli sceicchi , dall’altro c’è la prospettiva di riunire la famiglia Milinkovic-Savic con il fratello Sergej. Da monitorare anche la situazione tra i pali, è un Toro che può cambiare davvero tanto durante l’estate. E, di conseguenza, saranno tanti coloro che saluteranno domenica a Bergamo in un pomeriggio che può ancora regalare al mondo granata speranze d’Europa.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

PREV nei primi 4 mesi del 2024 la richiesta di finanziamento è aumentata del 13% – .
NEXT “Attaccano il Pd ma con Cosentino una flotta di ex dem” – .