«È morto il figlio della scrittrice Elena Martelli». Bernardo Marziani, 20 anni, lottava contro il cancro – .

«È morto il figlio della scrittrice Elena Martelli». Bernardo Marziani, 20 anni, lottava contro il cancro – .
«È morto il figlio della scrittrice Elena Martelli». Bernardo Marziani, 20 anni, lottava contro il cancro – .

È morto all’età di 20 anni il figlio della giornalista Elena Martelli, Bernardo Marziani. L’annuncio è stato dato a “Estate in diretta”, il nuovo programma di Rai1 lo scorso venerdì 14 giugno. Nunzia De Girolamo, affiancata dal collega Gianluca Semprini, è scoppiata in lacrime al termine della trasmissione. «In questo ultimo minuto permetteteci di dire una cosa che non è facile. È stato un episodio molto difficile per noi, per tutto il team di Estate in Diretta. Questa è stata una giornata drammatica».

De Girolamo ha poi aggiunto “E è stata una brutta giornata perché il giovane figlio di Elena Martelli. Proprio in questa giornata devo dire che per noi, per tutta la squadra, è stata molto dura. Volevamo quindi ringraziare tutto il team, ma soprattutto vogliamo mandare un grande abbraccio ad Elena e a suo marito Gianluca».

@digital.divaa Rispondendo a @Federica Ferri375 ♬ suono originale – digital.diva

Elena Martelli, muore il figlio della giornalista

Bernardo Marziani è morto il 14 giugno 2024 all’età di 20 anni, era nato il 20 agosto 2003 ed era figlio della giornalista e scrittrice Elena Martelli (autrice di Estate in Direct) e del critico d’arte Gianluca Marziani. Bernardo era un modello, e sui social ha parlato apertamente del suo tumore: un sarcoma di Ewing alla gamba sinistra che gli è stato diagnosticato nel 2022. Il ragazzo viveva tra Roma e Amsterdam dove studiava. Il triste annuncio è stato dato dai giornalisti Nunzia de Girolamo e Gianluca Semprini a Estate in diretta.

La malattia raccontata sui social

«Questo tumore, il sarcoma di Ewing, mi è stato diagnosticato due anni fa, nel 2022, localizzato alla gamba sinistra, con un dolore lancinante che è andato peggiorando, fino a quando la gamba è “morta”, e l’ho trovato. Ho fatto tutta la chemioterapia prevista dal protocollo, preliminare all’intervento, ma poco prima che mi operassero sono diventata metastatica e quindi hanno dovuto cambiare terapia; è come se la malattia diventasse cronica e necessitasse semplicemente di essere tenuta a bada», ha detto Berni (come lo chiamavano gli amici) sui social.

Aveva parlato della terapia, dei sintomi della radioterapia e anche dato consigli ai pazienti come quando raccontò dell’esistenza di un casco refrigerante che viene utilizzato durante la chemio infusione per limitare la caduta dei capelli. Da gennaio la sua situazione clinica è peggiorata.

@digital.divaa Rispondendo a @andreaferro__ ♬ suono originale – digital.diva

«Fino a gennaio ad Amsterdam andava tutto bene, solo qualche problema alle gambe, poi risolto con la radioterapia; ma poi fu sottovalutato un versamento polmonare, che mi distrusse, causato da una progressione del cancro ai polmoni, causato da una chemio fallita. Fino ad allora non avevo mai avuto sintomatici, e vedermi male era difficile. Sono stato ricoverato in ospedale per una settimana a causa di quella fuoriuscita, poi di recente ho avuto due “trattamenti di chemio rossa” molto duri, ma ora sto molto meglio di due mesi fa».

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Leggi l’articolo completo su
Leggo.it

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

NEXT Palestra San Felice, al via la ricerca per una nuova società – .